I cinque segreti per sapere se una cassaforte è sicura

Contatta il numero 366 1941441 per l' intervento di un tecnico

Spesso si vedono in centri commerciali e nei negozi online alcuni modelli di casseforti venduti a prezzi economici. Presi dall’entusiasmo del risparmio, a volte cadiamo nella trappola del presunto affare. Meglio non farsi incantare da queste false offerte. Ecco perché ho deciso di elencarvi i cinque segreti da conoscere per sapere se una cassaforte è sicura, ovviamente prima di effettuare l’acquisto!

 

cinque segreti per cassaforte sicura

 

1) Cassaforte o cassetta di custodia?

La differenza non è affatto da poco. Infatti alcune cosiddette “casseforti” altro non sono che cassette di custodia, poiché per essere definite tali dovrebbero rispondere alle dovute normative di riferimento. Il rischio è di confondere le due tipologie di prodotto, finendo con l’acquistare una tipologia meno sicura e funzionale di quello che ci si aspettava.

2) Prestare attenzione ai difetti

Queste cassette per custodia (come andrebbero giustamente chiamate) sono tutte accomunate da un prezzo d’acquisto molto allettante, ma sono per lo più d’importazione, quindi attenzione. Inoltre sono affette da carenze tecnologiche e costruttive. Non rientrando nemmeno i requisiti europei, a mio parere, sarebbe addirittura sbagliato chiamarle casseforti. Analizzandole attentamente si può notare come gli sportelli siano realizzati con metallo di spessore molto ridotto e i punti di ancoraggio siano perni alquanto posticci. La resistenza è molto limitata, in quanto possono essere facilmente scardinabili.

Molti componenti interni sono realizzati con materiale plastico di scarsa qualità, con resistenza al calore praticamente inesistente. L’elettronica di cui sono dotate è spesso di bassa qualità, le schede non sono protette dalle scariche elettriche e dai campi magnetici. Inoltre, in fase di progettazione, non è stato tenuto conto dei punti di accesso. Infatti le tastiere sono collegate all’interno mediante il passaggio di fili attraverso fori di grandi dimensione, che permettono facilmente l’introduzione di grimaldelli.

3) Capire la funzione della cassaforte

La cassaforte è concepita per proteggere i nostri beni da eventuali attacchi ed effrazioni. Quindi prima dell’acquisto devo sincerarmi che assolva a questo compito, in particolare quello di mantenere un distacco tra i ladri ed i miei beni. La differenza tra casseforti di importazione nei centri commerciali e casseforti italiane è sostanziale. Chiedete sempre informazioni ai commessi e leggete sempre le descrizioni degli articoli. A questo proposito il nostro servizio di assistenza è reperibile in ogni momento per fornire qualunque tipo di informazione.

4) Conoscere le regole

Esiste la normativa UNI EN 14450 2005 che classifica le casseforti in base alla loro resistenza allo scasso effettuato con diversi attrezzi, ad esempio leve, piede di porco, trapani, martelli ecc. Se desiderate avere una breve panoramica contattateci senza impegno.

5) Chiave, combinazione meccanica o digitale?

Una volta chiariti i punti precedenti si arriva al dunque: cosa scegliere? Vediamo quali sono le tipologie di casseforti dal punto di vista dell’apertura.

Cassaforte a chiave

Questa tipologia è tipica di quelle di uso domestico, utilizzano serrature a doppia mappa, anche se di fattura alquanto obsoleta. Questi modelli lasciano poi il problema di dove riporre la chiave, sperando che non venga trovata dai malintenzionati.

Combinazione meccanica

Per quanto possa sembrare scomoda, una volta appreso il funzionamento è gestibile con facilità. Questo sistema ha più di cento anni ed è affidabile oltre che ancora attuale, perché negli anni è stato migliorato ed aggiornato fino a resistere agli attacchi di manipolazione odierni. Esprime il massimo della sua sicurezza nella versione a 3 pomelli, ovvero con 3 combinatori differenti. In caso di selezione di un numero sbagliato non permette di proseguire con l’inserimento degli altri due codici in quanto gli altri pomelli vengono automaticamente bloccati.

Combinazione digitale

Questa tipologia è la più diffusa in quanto più comoda (si sa la gente va di fretta e non vuole complicazioni). La tenuta del catenaccio è affidata ad una minuscola linguetta collegata ad un solenoide. Sebbene nelle casseforti italiane omologate di un certo costo risulti al riparo da vibrazioni indotte da colpi, potrebbe essere attaccato con altri mezzi.

 

Questi sono i cinque segreti che vi consiglio di tenere a mente prima di acquistare una cassaforte sicura ed efficiente. Se volete anche voi dirmi quali sono le caratteristiche fondamentali di una buona cassaforte lasciatemi un commento qui sotto.

 

Ecco alcuni modelli di casseforti che trattiamo abitualmente:

Bordogna, Mottura, Cerutti, Pierrebi, Dishonored, Sarcas, Cisa, Juwel, Stark, Viro, Blinky, Silmec, Technomax, Amadori, Yale, Duto, Fichet, Thema, Novetek, Megabloc.

 

Siamo in grado di effettuare i seguenti interventi:

  • apertura cassaforte bloccata
  • cambio serratura danneggiata

 

Siamo massimi esperti nel riparare la tua cassaforte bloccata, non esitare a contattarci! Mandaci la foto della tua cassaforte per valutare il grado di sicurezza, oppure per ricevere dei consigli su quale acquistare!

 

 

Se volete saperne di più sull’impostazione di altri modelli di casseforti vi consiglio di dare un’occhiata al resto del Blog.

 

Per ricambi serrature consultate il sito http://www.safetycomforthome.com

 

Cassaforte Bloccata è un marchio Italica Casseforti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now

error: Testo protetto!
× Posso aiutarti?